Introduzione a FirstLook

Introduzione al sensore FirstLook

Introduzione
Ipotesi di funzionamento
grafico tempi del motore per uso automobilistico



Introduzione


L'utilizzo del sensore FirstLook consente la rilevazione di una figura più completa delle prestazioni di un motore, in maniera rapida e semplificata. Una volta appreso come utilizzare il sensore insieme al grafico tempi sarà possibile rilevare le valvole bruciate, gli impianti di iniezione irregolari e altri problemi relativi alle prestazioni del motore senza ricorrere allo smontaggio del motore e, ciò che più conta, in una frazione del tempo normalmente richiesto. Basta infatti considerare il tempo richiesto solo per la rimozione delle candele consumate per eseguire un test della compressione sui motori moderni.

Il sensore FirstLook è unico in quanto rileva gli impulsi della portata del motore, consentendo la visualizzazione degli impulsi del motore sulla base dell'attrezzatura di un oscilloscopio standard. Poiché gli scanner interrompono le informazioni che ricevono dai sensori del motore e gli analizzatori del motore comunicano lo stato del sistema di accensione, risulta complicato rilevare ciò che realmente accade nel motore senza eseguire test intrusivi. Disporre di FirstLook nella personale attrezzatura per la diagnostica consente di rilevare dinamicamente ciò che si verifica nel motore. Sebbene questa guida per l'utente si concentri sui motori a combustione per automobili, il sensore FirstLook potrebbe essere utilizzato anche su altri motori diesel o a benzina a quattro tempi.



Nella figura 1.0

Ipotesi di funzionamento


Il sensore FirstLook rileva gli impulsi della portata aria generati dal funzionamento normale del motore a combustione interna. Il sensore rileva queste onde a impulsi attraverso i canali di scarico o di depressione del motore. Tutti i motori producono un modello prevedibile di questi impulsi che possono essere facilmente visualizzati sull'oscilloscopio quando è connesso al sensore FirstLook. Questa onda di impulsi viene rilevata e sull'oscilloscopio viene visualizzata l'uscita della tensione. È possibile tenere traccia delle variazioni e delle irregolarità di questo modello in modo da risalire ai problemi relativi al motore. L'onda degli impulsi può anche essere influenzata dal carburante incombusto e anche tale anomalia viene rilevata e visualizzata. Il sensore FirstLook non richiede alcuna alimentazione esterna, pertanto non è necessario acquistare o sostituire eventuali batterie.

È importante tenere presente che le variazioni nell'anticipo, la lunghezza del tubo e gli effetti dello scarico regolato avranno un impatto sulle uscite della forma d'onda. Alcune forme d'onda saranno quasi perfette mentre altre visualizzeranno l'effetto dello scarico regolato. I problemi al motore generalmente determinano un'oscillazione della forma d'onda che si estende al di sopra e al di sotto della media degli altri cilindri. Ecco quando l'analisi comparativa dei cilindri diventa importante. Come regola generale è possibile tenere presente che maggiore è la simmetria e l'uniformità di distribuzione al di sopra e al di sotto della linea di riferimento 0 di una forma d'onda, migliori sono le condizioni del motore interessato.

Le condizioni determinate da una mancanza di carburante o da una scarsa combustione saranno causa di un calo raffigurato nella forma d'onda. Problemi derivanti da carburante in eccesso (impianti di iniezione sporchi, combustione scarsa, candele sporche, problemi ai cavi delle candele) verranno visualizzati con un calo nella forma d'onda seguito da un aumento al di sopra della linea 0 in quanto il motore lavora per compensare il carburante in eccesso che brucia nel collettore. Questo è il lavoro svolto dal computer e dal sensore di ossigeno installati nei motori moderni.

grafico tempi del motore per uso automobilistico


Il grafico tempi illustrato nella figura 1.1 è la chiave per la capacità diagnosticaalla base del sensore FirstLook che pone in correlazione la temporizzazione degli eventi del motore e la relativa visualizzazione. I dati visualizzati sono relativi a specifiche configurazioni di cilindri.

  • La prima colonna a sinistra del grafico visualizza la velocità del motore in giri al minuto (rpm).
  • I dati nelle colonne da A a F indicano il tempo tra gli eventi di apertura delle valvole per un determinato motore con da 2 a 10 cilindri per ciclo di un motore a 4 fasi.
  • Nella colonna successiva viene indicato il tempo per completare il ciclo 1 ossia il tempo totale in millisecondi per completare tutti gli eventi di alimentazione in un determinato motore a uno specifico rpm. Tenere presente che, in un motore a 4 fasi, 2 giri corrispondono a 1 ciclo. Questa colonna rappresenta anche la finestra del tempo totale che è necessario aprire per visualizzare il ciclo di alimentazione completo di tutti i cilindri. Per visualizzare più cicli, regolare l'oscilloscopio secondo una base dei tempi che consenta la visualizzazione di più cicli del motore.
  • Nell'ultima colonna di destra sono riportati i riferimenti alla base dei tempi di avvio suggeriti per i test specifici.


Nella figura 1.1


Torna all'indice
© Copyright 1995-2010 Pico Technology Ltd
Copyright %anno% - PCB Technologies P.IVA 01474230420